Dal 1994 per Mediaset, Sky e altri, LA COSA garantisce soluzioni sicure per il suono di migliaia di produzioni di media, comunicazione e entertainment Radio o Televisione, Cinema o Pubblicità, Comunicazione o Eventi, Discografia o Multimedia, Editoria o Web, qualunque sia il vostro mondo.

+39022511131 INFO@LACOSA.IT

L’industria musicale gioisce per la traduzione in legge del Music Modernization Act

On Air

L’industria musicale gioisce per la traduzione in legge del Music Modernization Act

Il Music Modernization Act è ora legge negli stati uniti, dopo essere stato precedentemente approvato unanimemente al senato, e da il via ad una modifica della legge di copyright, tra cui:

la creazione di un organo diretto da autori ed editori che controllerà la creazione e sviluppo di un database di licenze fonomeccaniche finanziato dai servizi di streaming; la risoluzione di un cavillo che permetteva alle radio digitali di non pagare le royalties di brani pubblicati prima del 15 febbraio 1972 (the classics act); un processo di pagamento uniforme per le royalties pagate da produttori ed ingegneri (Amp Act); uno standard basato sui valori del mercato per licenze stabilite dalla legge e una definizione delle fasi del processamento di royalties non rivendicate.

David Israelite (CEO di NMPA), Mitch Glazier (presidente della RIAA), Richard Burgess (CEO della A2IM) E Horacio Gutierrez (consigliere generale e vice presidente della sezione business e legal di Spotify) hanno espresso entusiasmo per questo risultato nato dalla collaborazione tra creatori musicali, tecnici e piattaforme digitali. Gli inviti alla cerimonia di figure al vertice di RIAA, SoundExchange, MUSICFirst, ASCAP e BMI sono stati ritirati, mentre rappresentanti della Digital Media Association, NMPA, Nashville, Songwriters Association International e la Recording hanno partecipato.